Trovata la chiave del riposo

Se dormi profondamente è merito di una “corrente” cerebrale che spegne i neuroni e permette di percepire i rumori esterni come innocui. Nello specifico parliamo dei “complessi K”, picchi spontanei di “voltaggio” nel cervello che corrispondono a una fase “down”, cioè a una riduzione brusca di attività neurale che permette di continuare a dormire anche se rumori esterni ci disturbano. Durante i complessi K le sinapsi si riorganizzano e consolidano i ricordi rendendosi allo stesso modo cruciali per le funzioni ristoratrici del sonno.

complessok