Nuovo eeg digitale ai Riuniti di Bergamo

La Patologia Neonatale degli Ospedali Riuniti di Bergamo può contare su un nuovo eeg-digitale per il monitoraggio continuativo dell’attività cerebrale dei neonati ricoverati in Terapia Intensiva. Mentre è assicurato a tutti i neonati in terapia intensiva un monitoraggio continuo dell’attività cardiaca e respiratoria, della pressione e della temperatura, più difficile è il controllo sull’attività cerebrale. Questo monitoraggio è invece importantissimo per molti bambini che, specialmente se nati pretermine con un peso inferiore al chilogrammo e mezzo, possono avere danni cerebrali.
Prima dell’introduzione di questo strumento, il monitoraggio veniva eseguito dai neurofisiopatologi degli Ospedali Riuniti, che, su richiesta dell’équipe della Patologia Neonatale, dovevano recarsi in terapia intensiva ed eseguire l’esame, che poteva richiedere anche molto tempo, senza per altro permettere un monitoraggio permanente dell’attività cerebrale del piccolo. Il nuovo macchinario, già in funzione nella terapia intensiva neonatale dei Riuniti, invece permette un controllo costante, con tutti i vantaggi che un sistema avanzato di elettroencefalografia digitale porta con sé. Il nuovo apparecchio permette sia di registrare l’attività elettrica del cervello sia di videoregistrare, tramite una telecamera a colori, il neonato nella culla, in modo da avere un quadro completo dell’andamento delle crisi convulsive nel tempo. Ciò permette di impostare al meglio la terapia in base alle reali e attuali condizioni cliniche del neonato, sempre sotto controllo.

You May Also Like

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.