Lavorare in Svizzera come Tecnico di Neurofisiopatologia

bandiera_svizzera

Per un Tecnico di Neurofisiopatologia, al momento, in Svizzera, non esiste un percorso formativo analogo a quello italiano, fino a qualche anno fa veniva organizzata una formazione specifica per l’elettroencefalogramma distribuita in periodi nell’arco di due anni a cui potevano accedere infermieri o assistenti di studio medico. Allo stato attuale la Svepta (Schweizerische Vereinigung der Elektrophysiologisch-Technischen Assistenten), ovvero l’equivalente Aitn qui in Svizzera, si sta occupando di programmare un percorso di studi simile a quello europeo, impegnandosi inoltre nel risconoscimento della nostra figura professionale qui in Svizzera. Per il momento infatti, i Tecnici di Neurofisiopatologia laureati in Europa che lavorano nella Confederazione Elvetica, hanno un contratto stabilito a discrezione dei singoli cantoni; nello specifico il tecnico impiegato nel Canton Ticino, lavora quaranta ore settimanali suddivise in cinque giorni lavorativi, con una reperibilità nei giorni festivi. A livello organizzativo il riferimento è sempre il Servizio Infermieristico, mentre il contratto di lavoro è dettato da un regolamento organico cantonale.

L’unità operativa in cui siamo occupati e’ integrata nel Neurocentro della Svizzera Italiana della quale fanno parte:

  • Neurologia
  • Neurochirurgia
  • Neuroradiologia
  • Neuroriabilitazione

Il laboratorio e’ diviso in sonno ed epilessia, neurofisiologia clinica e neurosonologia, vengono eseguite polisonnografie, poligrafie, actigrafie, test di vigilanza, potenziali evocati, elettroencefalogramma, ecocolordoppler TSA; abbiamo da poco introdotto lo studio dell’EEG con alta densità e nel prossimo futuro il simulatore di guida che andrà ad affiancarsi ai test di vigilanza, collaboriamo infine con studi di ricerca per ora riguardanti in maggior parte il sonno. Il nostro Team e’ prevalentemente composto da Tecnici formati presso gli atenei italiani, con i quali lavoriamo nel nostro obiettivo primario: offrire ogni giorno un servizio sempre più efficiente ed accogliente, dove il paziente è al centro delle nostre attenzioni.

I Tecnici dell’ospedale Civico di Lugano – Ticino –

Per maggior informazioni sull’Ente Ospedaliero Cantonale é possibile consultare il sito: www.eoc.ch

Un’altra collega impiegata in Svizzera ci racconta un pò di cose

Annalisa è un Tnfp presso il servizio di Neurologia dell’Ospedale Civico di Lugano, ecco quanto ci ha scritto:

Il mio diploma di Tecnico di Neurofisiopatologia risale al 1994, dopo aver lavorato un anno con incarico di sostituzione maternità è iniziata la mia nuova e attuale esperienza lavorativa qui in Svizzera.
Per iniziare a lavorare nella Svizzera Italiana ho dovuto cambiare residenza, perché quando ho intrapreso questa professione, la legge non prevedeva che i lavoratori frontalieri (cosi’ è chiamata la nostra categoria) risiedessero a una distanza di confine superiore ai 20 Km; i nuovi accordi bilaterali invece permettono di poter abitare in Svizzera ma con un permesso che implica l’obbligo di avere un’assicurazione malattia che vi assicuro risulta essere molto onerosa! L’ospedale dove lavoro non è a carattere universitario, la conseguenza è quella di non avere molte opportunità riguardo all’approfondimento delle svariate patologie che competono il profilo professionale del Tnfp, l’esperienza che ho fatto negli anni di studio e sopratutto di tirocinio mi è quindi risultata molto utile.
Mi occupo prevalentemente di Doppler, in mancanza delle colleghe anche di Eeg (digitali e di lunga durata) e Potenziale Evocati, non eseguiamo invece noi Tecnici le velocità di conduzione, nella struttura è inoltre presente un Laboratorio del Sonno dove opera un Tecnico appositamente formato. Il tempo a disposizione ci permette di poter spiegare bene al pz quale sia il funzionamento dell’esame cui sta per sottoporsi (si lo so che dovrebbe essere la procedura ma vi assicuro che dove lavoravo prima per ovvie ragioni di tempo ciò non era possibile…); oltre a quanto detto è nostro compito convocare i pz e occuparci delle fatturazioni degli esami.
Mi preme segnalarvi che il nostro Diploma non è riconosciuto nella Svizzera italiana, la formazione ad esempio dei Tecnici dedicati all’Eeg è totalmente diversa, consiste in un corso di 12 settimane al quale possono accedere persone che già abbiano eseguito 500 esami Eeg, la sede del corso è a Losanna, quest’ultimo viene inoltre attivato solo con un numero di partecipanti sufficiente.
Ben si comprende come la nostra formazione sia completa, molto ambita, ma a livello di riconoscimento è tutto arenato !! Al momento dell’assunzione l’Ospedale si è visto costretto a non poterlo parificare ad un altro corso di 3 anni come il nostro (es. Tecnici di Radiologia o Fisioterapia) perché manca il riconoscimento che in Svizzera avviene solo ed esclusivamente da parte della Croce Rossa.

You May Also Like

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.
Close