Al San Matteo di Pavia donato un elettroencefalografo alla Rianimazione

Grazie alla generosità della famiglia di un paziente in cura da diversi anni presso la struttura, la Rianimazione 2 del San Matteo di Pavia ha ricevuto un elettroencefalografo di ultima generazione che consente il monitoraggio del cervello per 24 ore e l’invio dei dati in tempo reale per poter intervenire in tempo in caso di crisi epilettiche gravi.
«Volevamo dimostrare la nostra gratitudine: Giorgio Iotti, Mirko Belliato, la caposala Antonella Sacchi, tutti i medici e infermieri della Rianimazione 2 hanno fatto tanto umanamente e professionalmente per aiutare Luigi, perché potesse vivere, mi hanno insegnato tutto quello che so per poter aiutare Luigi a casa. E siamo talmente grati e affezionati che volevamo dimostrarlo», spiega Maria Teresa Cuneo, che col marito Franco ha organizzato una cena alla quale hanno partecipato una ventina tra imprenditori pavesi e singoli cittadini, per la raccolta dei soldi necessari all’acquisto dell’apparecchiatura che vale circa 12mila euro.

sanmatteopavia