Il soliloquio non è un segno di follia

Se si sente la necessità di dialogare tra sè e sè anche a voce alta non significa necessariamente essere persone disturbate, anzi, molto probabile che questo comportamento aiuti in qualche modo a superare le piccole prove che la vita quotidiana richiede. A confermare l’utilità di questo comportamento c’è una ricerca pubblicata sul Quarterly Journal of Experimental Psychology. Condotta dagli psicologi Gary Lupyan (Università del Wisconsin) e Daniel Swingley (Universita’ della Pennsylvania). Il dialogo interno anche quando è reso verbale facilita l’applicazione di procedure più funzionali al superamento di piccole prove, ad esempio, se si cerca qualcosa che in dato momento non si riesce a trovare parlare ad alta voce da soli facilita il ritrovamento dell’oggetto, come se la capacità attentiva e di concentrazione aumentassero in questo modo.
I due ricercatori per giungere a…View the original article here

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.